Processi Produttivi

DECAPAGGIO

Il Decapaggio serve per rimuovere gli ossidi superficiali (calamina) che provengono dal processo di laminazione a caldo.
Questa operazione viene effettuata tramite il passaggio del nastro in vasche di acido cloridrico, aventi specifiche concentrazioni e temperature, e successivamente risciacquato.
Questa procedura è importante per garantire la qualità dei coils che successivamente saranno laminati a freddo e processati direttamente sulle linee di zincatura.
Durante questa fase viene anche ottenuta la larghezza desiderata del nastro, per mezzo di una refilatura dei bordi situata a valle di una spianatrice che gli conferisce invece la planarità necessaria per le fasi successive.
Gli spessori ottenibili del Decapaggio variano da 1,5 a 4 mm e le larghezze da 600 a 1290 mm.

LAMINAZIONE

In questa fase, effettuata in maniera continua da un treno di laminazione Tandem, lo spessore dei coils decapati viene ridotto mediante l’azione combinata di carichi e tiri esercitati da quattro gabbie di laminazione a quattro cilindri (quarto).
Durante tale riduzione di spessore, la velocità del nastro tra le varie gabbie aumenta progressivamente per mantenere costante il flusso di materia sottoposto a deformazione.
Gli spessori ottenibili variano dallo 0,23 ai 2 mm e larghezza massima di 1290 mm. Oltre allo spessore, il laminatoio conferisce al coil in uscita (denominato crudo di laminazione) anche delle buone caratteristiche di planarità.

ZINCATURE

La zincatura a caldo in continuo, mediante processo Sendzmir, è realizzata per immersione del nastro laminato in una vasca contenente zinco fuso, con piccole aggiunte di alluminio per favorire adesione e flessibilità del prodotto finito.
L’aggiunta di zinco conferisce al substrato di acciaio una protezione catodica contro la corrosione aumentandone la durata nel tempo.
Un successivo processo di skin-pass permette di uniformare ulteriormente la superficie, conferendo rugosità e rendendola idonea alla verniciatura.
Prima dell’ingresso nella vasca di zincatura il nastro attraversa dei forni che assolvono alla doppia funzione di pulizia e di trattamento termico di ricottura dell’acciaio, al fine di conferigli le richieste caratteristiche meccaniche necessarie per gli ulteriori processi di formabilità.
Gli spessori ottenibili variano dallo 0,25 ai 3 mm con larghezze fino a 1600mm

VERNICIATURA

La verniciatura utilizza il processo coil-coating. Le fasi in cui si suddivide sono: la sgrassatura della superficie, il pre-trattamento chimico, la stesura ad umido della prima mano di vernice (Primer) con relativa cottura in forno, la stesura della vernice di finitura (Top Coat) seguita dalla seconda cottura in forno, per terminare l’avvolgimento del nastro.
Severi controlli di laboratorio pilotano il processo produttivo e collaudano il materiale per i clienti, che operano principalmente nei settori dell’edilizia, elettrodomestica e industria in generale.